Sul proprio sito AMD ha pubblicato un quarto “Ryzen Community Update” in cui ha illustrato i miglioramenti sul fronte delle prestazioni di memoria, in particolare in overclock, grazie a un “AGESA” dedicato.

AGESA (AMD Generic Encapsulated System Architecture), ed è il responsabile per l’inizializzazione dei processori AMD x86-64 in fase di avvio.

In un certo senso è il cuore del BIOS delle motherboard. È sull’AGESA sviluppato da AMD che i produttori di motherboard mettono a punto i rispettivi BIOS. Attualmente gran parte dei BIOS dedicati alle motherboard AM4 sono basati sull’AGESA in versione 1.0.0.4, ma AMD ha messo a punto un nuovo AGESA (1.0.0.6) che si focalizza nella stabilità delle memorie DDR4 in overclock, oltre 2667 MHz.

Robert Hallock di AMD spiega  in un post:

“siamo al punto in cui il testing può iniziare a passare nella fase release candidate e/o nella produzione di BIOS che potete scaricare. A seconda dei test e della procedura di qualità del produttore della vostra motherboard, i BIOS basati su questo codice potrebbero essere disponibili tra metà e la fine di giugno”.

Alcuni utenti, fa sapere Hallock, possono già mettere le mani su BIOS beta disponibili pubblicamente da Gigabyte (per la GA-AX370-Gaming5) e ASUS (per la Crosshair VI) .

Un miglior supporto alle memorie non è però l’unica novità dei firmware. AMD ha iniziato a migliorare il supporto alla virtualizzazione e più concretamente ha integrato il supporto a PCI Express Access Control Services (ACS).

“ACS consente di supportare l’assegnazione manuale delle schede video PCIe all’interno di container logici chiamati gruppi IOMMU”, spiega la casa di Sunnyvale. “Le risorse hardware di un gruppo IOMMU possono poi essere dedicate a una macchina virtuale”.

ACS è quindi utile a chi desidera avere grafica accelerata all’interno di una virtual machine.

“Con il supporto ACS è possibile suddividere un sistema a due GPU, per esempio avendo un sistema operativo host Linux e una macchina virtuale Windows dotati entrambi di una scheda dedicata. La macchina virtuale può accedere a tutte le capacità della GPU dedicata e avviare i giochi quasi con prestazioni native”, spiega Hallock.

All’interno del post AMD ha pubblicato una tabella in cui illustra i 26 nuovi parametri integrati in AGESA 1.0.0.6 che possono migliorare compatibilità e stabilità della RAM, in particolare con le memorie che non seguono gli standard industriali JEDEC.

Tra questi parametri una maggiore gamma di moltiplicatori di memoria (fino a 40, o DDR4-4000) e l’opzione per impostare il command rate a 1T o 2T.

Con i BIOS in uscita da metà giugno gli utenti appassionati dovrebbero quindi ritrovarsi a gestire al meglio i moduli DDR4-3200 e più veloci.

[amazon_link asins=’B06X9LKQWL,B06WXX7DYK,B06WWF6VMG,B06WWM2FJ9′ template=’ProductCarousel’ store=’hdwzone-21′ marketplace=’IT’ link_id=’4b1e5b90-43bd-11e7-b12e-2db2cc181ce4′]

 

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami