Telecom Italia ha comunicato all’AGCOM che entro il 2024 dismetterà e convertirà progressivamente 6.000 centrali sulle complessive 10.500 per passare ai servizi Full IP basati su rete in fibra.

In pratica toglierà le vecchie tecnologie ATM in rame. Anche se in verità la prospettiva è di coprire l’85% della popolazione con FTTC e FTTH entro la fine del 2017, poi il 95% entro il 2018 e il 99% entro il 2019.

Si parla di un notevole risparmio sul fronte energetico, la stima potrebbe essere di circa 100 milioni di euro, anche se mancano dati più dettagliati. Il piano, come oggi spiega Il Sole 24 Ore, rispetta la tempistica indicata dal Garante delle Comunicazioni con apposita delibera nel 2015.

Nello specifico l’intervento riguarderà sia tutte le centrali che hanno una struttura interna basate su tecnologie a rame per internet e sia centrali più antiche.  L’AGCOM ha già allestito un tavolo tecnico che deciderà entro 150 giorni quale possa essere il miglior percorso di dismissione nei prossimi 5 anni, il tutto per evitare eventuali contenziosi tra l’ex monopolista e gli altri operatori clienti all’ingrosso.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami