Oggi giorno il mondo si  sta spostando sempre di più verso innumerevoli servizi cloud, basta pensare che solo nel ultimo anno ci è stato un incremento del circa 30% del utilizzo di servizi di streaming, quali netflix e altri, ciò implica che la potenza di calcolo dei server è sempre più importante, per mantenere i servizi sempre attivi e preformanti. Negli ultimi anni il mercato dei server è stato fondamentalmente obbligato a scegliere i processori Intel della gamma Xeon, che detengono circa il 98%di share; ma da ieri, quando AMD è entrato nel settore, con la sua nuova linea di processori EPYC tutto è cambiato. O meglio dire, è rientrato: molti ricorderanno la gamma Opteron, che da qualche anno ormai era completamente scomparsa da qualsiasi “scaffale”.

La nuova gamma di processori, ovviamente basata sulla ormai nota architettura Zen a 14 nm che abbiamo già visto nel settore consumer con la famiglia Ryzen, è molto articolata e comprende praticamente processori per tutte “le salse”: si parte dal modello 7251 con otto core e 16 thread e frequenze di 2,1/2,9 GHz, fino a raggiungere il top di gamma 7601 con 32 core e 64 thread, e frequenze tra i 2,2 e i 3,2 GHz. In mezzo ad essi altri sette modelli intermedi, che differiscono per numero di core, frequenze e TDP. La notizia più interessante è che tutti questi processori supportano il doppio socket. In verità ce ne sono poi altri tre che supportano solo il socket singolo e si riconoscono per la P finale nel codice modello: 7551P, 7401P e 7351P.

Comuni per tutti i modelli, grazie all’architettura completamente System-on-Chip con controller di memoria integrato, il supporto a ben 8 canali di RAM DDR4 (max 2 TB, quindi) e 128 linee PCIe.

Ma non sono solo le performance il punto di forza di EPYC. Ogni processore include anche un coprocessore dedicato alla sicurezza dei dati trattati. Un’altra caratteristica è che i processori di generazione successiva, a quelle uscite ora, sfrutteranno lo stesso socket, facilitando il lavoro sia ai produttori di motherboard e sia ai clienti che abbatteranno cosi il costo di aggiornamento, in quanto si potrà cambiare solo il processore.

E poi ci sono i prezzi, che sono molto vantaggiosi se si guarda alla controparte Intel Xeon.

Per quanto riguarda le disponibilità, è immediata nei processori di fascia più alta 7601, 7551, 7501 e 7451. Gli altri chip arriveranno entro la fine del mese prossimo. Naturalmente questi processori non sono stati progettati ne per i Gamer ne per i consumatori, infatti nel campo gaming non hanno buone prestazioni. Quindi questi processori saranno difficili da trovare in un ambito esterno al business.

Per maggiori notizie vi lasciamo il link per il sito ufficiale dove troverete tutte le informazioni in dettaglio: AMD EPYC.

[amazon_link asins=’B06W9JXK4G,B06X3W9NGG,B06XKWT7GD,B06XNRQHG4,B06XKVNRSM,B06XKWT8J4′ template=’ProductCarousel’ store=’hdwzone-21′ marketplace=’IT’ link_id=’59b2b2a8-576b-11e7-a7c8-bb85e0c04312′]

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami