Facebook ha affrontato numerose denunce e accuse quando si tratta di privacy, e da nessuna parte questo è stato più ovvio che in Europa. In risposta ai piani dell’Unione Europea di modificare le leggi sulla privacy dei dati personali, il social network è sul punto di lanciare un nuovo centro di privacy agli utenti.

Il prossimo regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) è concepito per dare alle persone un maggiore controllo sui loro dati personali, e dovrebbe entrare in vigore a maggio. La risposta di Facebook significa che i suoi milioni di utenti globali beneficeranno tutti di ulteriori controlli sulla privacy.

 

Facebook ha un importante incentivo a reagire a GDPR. Qualunque azienda che abbia violato la legge rischia una multa equivalente al maggiore tra il 4% del fatturato annuale globale, o 20 milioni di EUR (24,50 milioni di $).

Parlando a Bruxelles, il COO di Facebook, Sheryl Sandberg, ha dichiarato: “Stiamo sviluppando un nuovo centro per la privacy a livello globale che metterà le principali impostazioni sulla privacy di Facebook in un unico posto e renderà molto più facile per le persone gestire i propri dati.”

Ha continuato a dire:

Le nostre app sono da tempo focalizzate sulla trasparenza e il controllo delle persone e questo ci fornisce un’ottima base per soddisfare tutti i requisiti del GDPR e per spronarci a continuare a investire in prodotti e strumenti educativi per proteggere la privacy.

Facebook non ha fornito dettagli specifici sugli strumenti che intende implementare, né ha detto abbastanza quando gli utenti possono aspettarsi di beneficiare dei nuovi controlli.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami