Il gruppo italiano di pirati informatici CPY ha annunciato oggi che finalmente ha violato Assassin’s Creed Origins, il che significa che le persone con versioni pirata del gioco saranno ora in grado di bypassare le sue protezioni DRM.

L’annuncio di CPY è apparso su CrackWatch subreddit, dove i commentatori hanno speculato per mesi su quando e se il gioco avrebbe mai avuto il suo DRM incrinato. Ciò è avvenuto dopo le iniziali polemiche relative alla decisione di Ubisoft di includere così tanti livelli di protezione anti-pirateria a causa di reclami da parte dei normali giocatori di PC che la combinazione di Denuvo 4.8, VMProtect e la sicurezza Uplay standard di Ubsisoft erano un consueto esaurimento delle risorse del proprio sistema.

 La maggior parte dei nuovi giochi viene crackata dai gruppi di hacker in poche settimane o addirittura giorni di rilascio a questo punto. All’inizio dell’anno scorso, una manciata di giochi aveva soluzioni alternative per la protezione anti-pirateria di Denuvo messa in atto in tempi record, a partire da Resident Evil 7Assassin’s Creed Origins è riuscito a mantenere intatti i suoi vari livelli di protezione per molto più tempo, tuttavia, in parte grazie a una versione più recente di Denuvo rispetto a quella dei giochi del passato.

Il CPY, che a volte infrange i giochi sotto il nome di CONSPIR4CY, è stato responsabile della violazione di molti dei più grandi giochi degli ultimi anni, inclusi Doom , Inside e Resident Evil 7.

Il lancio di Denuvo 4.8, tuttavia, sembrava averlo fermato e altri gruppi nelle loro tracce. Terra di mezzo: Shadow of War , South Park: The Fractured but Whole , FIFA 18 utilizzava una versione precedente di Denuvo e ognuno di loro è stata violata in un giorno dal rilascio.

Con i pirati ora in grado di aggirare le protezioni del gioco, non è chiaro se Ubisoft manterrà tutta la tecnologia anti-manomissione in atto. Alcuni editori hanno rattoppato i loro giochi dopo che sono stati violati per rimuovere Denuvo, che è quello che è successo con Doom e Inside . Nel caso di Doom , un portavoce di Denuvo ha detto a Kotaku che il motivo per cui è stato rimosso era perché aveva già raggiunto l’obiettivo principale di proteggere il gioco durante la sua finestra di vendita iniziale. A tre mesi, le protezioni antipirateria di Assassin’s Creed Origins hanno prodotto qualcosa di simile. Tuttavia, la società non è stata in grado di rimuovere Denuvo dopo il fatto in passato. Kotaku ha contattato sia Ubisoft che Denuvo per un commento sull’argomento.

Lo scorso mese Denuvo è stato acquistato dalla società di sicurezza digitale Irdeto e ha già rilasciato una versione 5.0 del suo software. Dragon Ball FighterZ , rilasciato il 26 gennaio, è il gioco più recente ad utilizzare questa versione e rimane senza crack.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami