Google ha annunciato martedì una serie di progetti per combattere le false informazioni su Internet e supportare i media credibili, con un investimento di circa $ 300 milioni in tre anni.

Durante una presentazione a New York, il gigante dei motori di ricerca, a lungo criticato per aver contribuito alla diffusione di notizie false e al declino dei media tradizionali, ha presentato una serie di progetti volti a ” rafforzare informazioni affidabili e di qualità. “e aiutare i media credibili a guadagnare abbonati paganti.

Tutti questi progetti rappresentano ” un impegno finanziario per l’industria dei media di $ 300 milioni per i prossimi tre anni “, secondo Philipp Schindler, responsabile delle operazioni commerciali di Google, che ha dichiarato ” il futuro di Google e il futuro dei suoi media partner era collegato “.

Tra i progetti supportati dalla ditta Mountain View, la creazione di un ” laboratorio di disinformazione ” in collaborazione con l’Istituto Shorenstein di Harvard, in prosecuzione dell’iniziativa ” CrossCheck ” testata in Europa per combattere la disinformazione a recenti elezioni francesi o britanniche.

Si tratta di ” cercare di codificare ciò che abbiamo imparato “, ” combinando strumenti tecnici ed esperienza editoriale “, con l’idea di metterlo in pratica durante le elezioni americane di novembre, Nicco Mele, direttore del Centro Shorenstein.

Mentre Facebook è di nuovo nell’occhio della tempesta per consentire alla società di Cambridge Analytica di utilizzare i dati di decine di milioni di utenti di social network, Google vuole posizionarsi come un partner multimediale credibile.

A lungo propagandato per minare le entrate della stampa mettendo il suo contenuto in open access in rete, la gigantesca Silicon Valley ha presentato diversi progetti per aumentare gli abbonati pagati dei siti di notizie.

Google si ridurrà a due click il processo di sottoscrizione (utilizzando il suo conto Googlemail) o per siti che offrono strumenti per massimizzare la loro parte di contenuti a pagamento e gratuito, per aumentare i visitatori occasionali abbonati tasso di conversione.

Questi progetti sono sviluppati in collaborazione con circa 60 media, tra cui il Washington Post, il Financial Times o, in Francia, Le Figaro, Le Parisien e Les Echos.

” Vogliamo semplificare il processo in modo da poter avere più lettori che si iscrivono ” , hadetto Bonita Stewart, Vice President Global Partnerships.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami