Presto i processori di Facebook? Il social network prevede chiaramente di produrre i propri chip se si crede gli annunci immessi da parte della società di Menlo Park (California) e lavata da Bloomberg . Sta cercando un manager per creare un team “SoC / ASIC, firmware e sviluppo di driver end-to-end” .

Incredibile per un social network? Non tanto: questi processori potrebbero essere utilizzati simultaneamente in dispositivi destinati al grande pubblico – sappiamo che Facebook ci sta lavorando – o in server dedicati all’intelligenza artificiale, sempre più utilizzati all’interno del servizio. Non dobbiamo dimenticare che la società possiede anche Oculus, il progettista di cuffie per realtà virtuale, che avrà sicuramente bisogno di chip per i suoi futuri prodotti.

Una tendenza pesante nella Silicon Valley

Ciò consentirebbe a Facebook di fare a meno di un fornitore di terze parti, come Qualcomm o Intel. Facebook non è l’unico ad avviare questo movimento. Apple è stata tra le prime nel suo genere. Tutti i suoi dispositivi iOS, watchOS o tvOS funzionano con chip fatti in casa, mentre esiste un progetto per equipaggiare i suoi Mac con chip ARM .

Google ha anche intrapreso l’avventura  con il suo smartphone Pixel 2 , che incorpora un chip responsabile della gestione delle immagini. Infine, Amazon ha seguito l’esempio dei suoi concorrenti lo scorso febbraio. Intel e Qualcomm avranno sempre meno clienti …

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami