Negli ultimi anni Microsoft ha aperto il cuore a Linux, ma ora la società ha fatto qualcosa che prima sarebbe stato impensabile: ha costruito il proprio kernel Linux.

Nell’ambito dell’approvazione di Internet of Things, Microsoft ha annunciato Azure Sphere, una piattaforma basata su ARM per l’IoT con particolare attenzione alla sicurezza. La chiave di Azure Sphere sono piccoli dispositivi (microcontroller) dotati di MCU, essenzialmente dispositivi SoC, che eseguono il sistema Azure Sphere e si connettono in modo sicuro ai backend di Azure. La sicurezza arriva grazie all’uso di un kernel Linux personalizzato.

Microsoft afferma che licenzierà gratuitamente i chip Azure Sphere, sperando chiaramente che offrendoli gratuitamente, i produttori saranno felici di saltare a bordo e aiutare a far decollare la piattaforma. La società non ha rivelato molto sui chip o sul kernel personalizzato che ha creato, ma sappiamo che sono basati su ARM e basati su Linux.

I sistemi di sicurezza che sono in atto aiuteranno a garantire che sia in uso solo il firmware ufficiale e che si occupi anche dell’installazione dell’aggiornamento remoto.

Scrivendo su Azure Sphere OS, Microsoft dice:

Questo sistema operativo è appositamente progettato per offrire sicurezza e agilità senza pari. A differenza delle RTOS comunemente in uso negli MCU, il nostro sistema IoT difensivo offre molteplici livelli di sicurezza. Combina le innovazioni di sicurezza introdotte per la prima volta in Windows, un monitor di sicurezza e un kernel Linux personalizzato per creare un ambiente software altamente protetto e una piattaforma affidabile per le nuove esperienze IoT.

Microsoft è inoltre entusiasta dei suoi nuovi microcontrollori e della sicurezza che offre, e ha creato un video per evidenziare ciò che hanno da offrire:

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami