Kaspersky Lab ha annunciato che intende trasferire i dati dalla Russia e in un nuovo data center in Svizzera. La mossa è parte dell’iniziativa globale per la trasparenza della compagnia, che è arrivata in risposta alle preoccupazioni sui legami con il governo russo.

Il software prodotto da Kaspersky è già stato bandito dai sistemi governativi degli Stati Uniti e la società è stata in missione per dimostrare che la Russia non sta spiando altri paesi tramite i suoi strumenti antivirus.

L’annuncio è in linea con ciò che Kaspersky ha dichiarato di voler fare due mesi fa. La società afferma: “Stiamo trasferendo buona parte della nostra infrastruttura a Zurigo, in Svizzera, compresa la” linea di assemblaggio software “ei server che memorizzano ed elaborano i dati di Kaspersky Security Network e creano il nostro primo Centro per la trasparenza.”

L’obiettivo è spostare la linea di assemblaggio del software in Svizzera entro la fine di quest’anno, con il trasferimento dei dati degli utenti verso i server svizzeri entro la fine del 2019.

Kaspersky afferma che la mossa è stata presa per contribuire ad aumentare la fiducia nella società:

L’obiettivo più importante della nostra Global Transparency Initiative è stabilire tutti i processi di revisione in modo tale che non ci sia bisogno di affidarsi esclusivamente alla nostra parola sull’integrità dei nostri prodotti, aggiornamenti, regole di rilevamento, archiviazione dei dati e cose del genere . Gli stakeholder responsabili di organizzazioni governative e private con competenze specifiche saranno in grado di rivedere il nostro software per assicurarsi che tutto funzioni come previsto.

Presso il Data Transparency Center, “partner fidati e stakeholder governativi” potranno accedere a codice sorgente e dati quali:

  • Documentazione di sviluppo del software sicura,
  • Il codice sorgente di qualsiasi prodotto rilasciato pubblicamente (comprese le vecchie versioni),
  • Database delle regole di rilevamento delle minacce,
  • Il codice sorgente dei servizi cloud responsabili della ricezione e archiviazione dei dati dei clienti con sede in Europa, Nord America, Australia, Giappone, Corea del Sud e Singapore,
  • Strumenti software utilizzati per la creazione di un prodotto (script di compilazione), database e servizi cloud.

La società afferma che tutto sarà supervisionato da una terza parte, ma non rivelerà nulla a riguardo. Aggiunge: “I dati dei nostri clienti provenienti dagli Stati Uniti, dall’Europa, dal Giappone, dalla Corea, da Singapore e dall’Australia verranno d’ora in poi archiviati ed elaborati in Svizzera.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami