Donald Trump, l’attuale presidente degli Stati Uniti, ha deciso di vietare al governo degli Stati Uniti di utilizzare la tecnologia di Huawei e ZTE. Considerata una minaccia dai repubblicani, i due produttori cinesi non potranno più fare affari con il governo o con una società che lavora per essa. Il divieto entrerà in vigore nei prossimi due anni.

ZTE ha ancora una volta il permesso di rivendere smartphone usando chip di aziende statunitensi, gli Stati Uniti hanno appena revocato tutte le sanzioni contro la compagnia cinese. Il costruttore è stato in grado di beneficiare di un accordo con le autorità statunitensi e ha dovuto pagare una multa di 1,4 miliardi di dollari per non parlare dei cambiamenti avvenuti a capo del gigante.

Secondo il sito web della CNBC , ZTE annuncia che le sanzioni statunitensi sono state abolite. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti consente all’azienda cinese di ordinare da Qualcomm e altre società statunitensi l’acquisto di chip elettronici. ZTE doveva pagare $ 400 milioni per una multa di $ 1,4 miliardi .

ZTE: le sanzioni vengono revocate, è ufficiale

Alla casa automobilistica è stato vietato l’acquisto di componenti essenziali per le società statunitensi dopo aver violato un embargo vendendo attrezzature all’Iran. Questo divieto è ormai una cosa del passato. L’amministrazione Trump è stata coinvolta in questo caso per “salvare” il produttore cinese. Successivamente, ZTE si scusò per aver dovuto pagare una multa “prezzo disastroso” negli Stati Uniti. Le modifiche si sono verificate anche nella gestione della società, in conformità con i desideri delle autorità statunitensi.

Altri vincoli includono il reclutamento di un responsabile della conformità esterno alla società scelta dal Dipartimento del commercio degli Stati Uniti. In ogni caso, ZTE sarà ancora in grado di operare con Qualcomm che fornisce SoC per i suoi smartphone. Le autorità statunitensi dicono che questa è la prima volta che tali disposizioni sono state messe in atto per una società straniera.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami