Non è un segreto che Google e altre società monitorino i tuoi acquisti online; è uno dei motivi per cui vedi le pubblicità che fai, per esempio. Ma un accordo segreto tra Google e Mastercard significa che è anche possibile per il gigante di Internet tracciare i tuoi acquisti offline .

Google offre un servizio denominato Store Sales Measurement che consente agli inserzionisti di determinare se i loro annunci online generano vendite offline. Un rapporto di Bloomberg rivela che tutto ciò è stato reso possibile grazie all’accordo tra Google e Mastercard negli Stati Uniti, uno che solleva seri interrogativi sulla privacy.

Google ha pagato Mastercard, segnala Bloomberg , per l’accesso alle scorte di transazioni Mastercard che potrebbe poi alimentare nei suoi sistemi di analisi. Le due società hanno scelto di mantenere i loro accordi segreti dal pubblico, e questo è qualcosa che riguarderà – e sorprenderà – i due miliardi di clienti di Mastercard in tutto il mondo.

Come Christine Bannan, consulente del gruppo di tutela della privacy elettronica (EPIC), afferma:

Le persone non si aspettano che ciò che acquistano fisicamente in un negozio sia collegato a ciò che stanno acquistando online. C’è troppo peso che le aziende attribuiscono ai consumatori e non abbastanza responsabilità da parte delle aziende per informare gli utenti su cosa stanno facendo e quali sono i loro diritti.

Google insiste sul fatto che tutti i dati raccolti sono resi anonimi, ma ciò non gioverà a coloro i cui dati sono stati utilizzati a loro insaputa. La società afferma inoltre che è possibile rinunciare a questa forma di tracciamento, sebbene l’impostazione in questione sia tutt’altro che ovvia. Disabilita l’impostazione Attività web e app nelle impostazioni del tuo account Google e questo probabilmente bloccherà il tracciamento, ma ti verrebbe certamente perdonato per non averlo saputo.

Né Google né Mastercard hanno commentato specificamente l’accordo segreto che è stato esposto, ma il portavoce di Mastercard Seth Eisen ha confermato che questa società condivide le informazioni per aiutare gli inserzionisti a determinare l’efficacia delle campagne pubblicitarie.

Non vengono fornite transazioni personali o dati personali. Non forniamo approfondimenti che tracciano, pubblicano annunci o persino misurano l’efficacia degli annunci relativi ai singoli consumatori.

È possibile – anche probabile – che Mastercard non sia l’unica azienda con cui Google ha un tale accordo. Quando il servizio di misurazione delle vendite del negozio è stato annunciato lo scorso anno, Google ha dichiarato che avrebbe avuto accesso a “circa il 70 percento” di carte statunitensi; Mastercard non detiene una tale quota del mercato delle carte, il che significa che le informazioni devono provenire anche da altrove.

In una dichiarazione rilasciata alla BBC , Mastercard ha detto:

Forniamo solo i commercianti e le tendenze dei fornitori di servizi designati sulla base di dati aggregati e resi anonimi, come la dimensione media del biglietto del commerciante e i volumi di vendita. Non forniamo approfondimenti che tracciano, pubblicano o addirittura misurano l’efficacia degli annunci relativi ai singoli consumatori “.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami