Il progetto per semplificare il passaggio all’open-source per le imprese vede l’arrivo dei tre giganti della tecnologia americana nel proprio consiglio di amministrazione.

Tre grandi nomi della tecnologia si uniscono a OpenChain

Il progetto OpenChain della Linux Foundation rende più facile per le aziende passare i loro progetti di sviluppo all’open source e garantire il loro corretto utilizzo in base alle regole definite nella pubblicazione. Vede oggi l’arrivo di tre nuovi membri e non ultimo. Google, Facebook e Uber hanno annunciato l’adesione al programma durante una conferenza della Fondazione a Yokohama, in Giappone. 

I tre giganti del web avranno un posto speciale da quando si uniranno al consiglio di amministrazione del progetto. ” Facebook, Google e Uber sono una grande aggiunta a questo, poiché diventeremo uno standard di settore formale e si evolveranno in modo significativo in molti mercati.Ha detto Shane Coughlan, CEO di OpenChain ai nostri colleghi di TechCrunch .

La volontà di queste aziende è quella di incoraggiare l’uso corretto dei progetti open-source

Google, Uber o Facebook sono i principali utenti di librerie open source nei loro progetti. Nonostante la forte concorrenza in molti settori, le tre società confermano la loro volontà di lavorare su una base tecnologicacomune, volta ad accelerare lo sviluppo dell’industria tecnologica nel suo complesso. 

Google ha già implementato le regole di conformità per le proprie soluzioni open source dal 2016 e vede questa appartenenza alla OpenChain un modo per sviluppare i suoi protocolli in quest’area. Il progetto Linux Foundation consente allo stesso modo per gli sviluppatori assicurare che i loro progetti open-source siano utilizzati correttamente dalle aziende e incoraggiare le aziende a rispettare queste regole d’uso.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami