È diventata un’abitudine, Facebook è ben noto per le sue battute d’arresto nel campo della privacy degli utenti . Ma il social network non solo conserva le informazioni che gli utenti decidono di affidarle . 

Un rapporto del Wall Streat Journal indica il grado di intrusione del social network nella privacy degli utenti. Il sito ci dice che più di una dozzina di applicazioni raccolte quasi istantaneamente ha inviato dati personali al social network.

Facebook al centro di una nuova controversia

Su 70 applicazioni testate, il Wall Street Journal ha identificato 11 che inviano a Facebook dettagli preoccupanti sulla privacy degli utenti . 

Una delle applicazioni indicizzate è Flo Period & Ovulation Tracker. Permette alle donne di seguire il loro ciclo mestruale, comprese le date dei loro periodi. È chiaro che tutte le sue informazioni sono raccolte dal social network. E questo, senza la conoscenza degli utenti.

L’app che ha più di 25 milioni di utenti ” dice a Facebook quando una donna ha il suo periodo o quando informa nell’applicazione della sua intenzione di rimanere incinta .” 

Questa informazione non manca di ricordarci la controversia di alcuni mesi fa quando una donna che ha perso il suo bambino stava ricevendo annunci mirati sulla maternità su Facebook .

Il rapporto mostra anche che in alcuni casi, Facebook poteva accedere ai dati anche quando l’utente non era connesso a Facebook o quando non aveva un account Facebook . 

A sua difesa, il social network dice che raccoglie informazioni tramite applicazioni esterne, proibisce loro di inviare informazioni sensibili agli utenti. Un argomento molto povero che farà fatica a convincere.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami