In generale, ci vogliono solo pochi giorni per permettere a John Wu di hackerare le ultime versioni di Android dopo il rilascio ufficiale delle prime build . Il padre di Magisk , tuttavia, ha battuto il suo record personale facendo girare Android Q, il futuro successore di Android 9.0 Pie anche se non è stato nemmeno ufficializzato da Google.

Google già violato da John Wu (ancora una volta)

Google riposerebbe sugli allori? Mentre il gigante americano sta facendo di tutto per bloccare la radice su Android, il creatore di Magisk dimostra ancora una volta le sue capacità di programmazione. Come rivelato da un recente tweet, una build non ufficiale di Android Q è già stata modificata con Magisk, la soluzione root priva di sistema ben nota agli hacker.

Secondo gli screenshot svelati da @topjohnwu, Magisk e la sua GUI Magisk Manager sono nelle ultime versioni, Canary. Lo sviluppatore non ha dovuto modificare il codice del suo famoso sistema, il che potrebbe indicare che per il momento Android Q accetta l’installazione di Magisk senza richiedere modifiche sostanziali rispetto a Android P. 

Google può tuttavia modificare il cose da qui la versione ufficiale del suo Android costruisce Q. La corsa alla radice non si sta per fermare! 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami