Naturalmente, quando si avvia e si configura per la prima volta Chrome, è sempre Google il motore predefinito, garantendo che ogni query immessa dalla barra degli indirizzi sia eseguita con il potente strumento del gigante Web. Tra l’elenco degli altri motori di ricerca disponibili per impostazione predefinita, Chrome ha finora proposto Yahoo e Bing , ma nessun motore di ricerca realmente “rispettoso della privacy”.

Una decisione motivata dalla popolarità di DuckDuckGo?

Una “svista” riparata da Google, dal momento che il gigante ha appena aggiunto, attraverso il suo nuovo aggiornamento introducendo la versione 73 di Chrome , DuckDuckGo ai suoi motori di ricerca predefiniti. 

La ragione, tuttavia, sembra essere la crescente popolarità di DuckDuckGo piuttosto che il desiderio di Google di proteggere la tua privacy. Dal 2016, la popolarità di DuckDuckGo è più che raddoppiato e il numero di ricerche per anno è ora in cima del marchio 12 miliardi. Questo non è niente in confronto a Google e ai suoi 3 miliardi di ricerche al giorno (!) , Ma ovviamente abbastanza per il gigante da includere nel suo ultimo aggiornamento.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami