Il CEO di Electronic Arts Andrew Wilson ha annunciato oggi che il mega-editore ha apportato alcuni “cambiamenti organizzativi” che hanno causato la perdita delle posizioni di circa 350 persone tra i 9.000 dipendenti in forza dell’azienda. Lo staff coinvolto proviene dalle divisioni marketing, editoriale e operativo. Anche l’attuale presenza dell’editore in Giappone e Russia è influenzata dalla mossa.

Wilson ha detto nell’annuncio che la mossa è di perfezionare ulteriormente la società, rispettare i suoi impegni e soddisfare i bisogni dei giocatori. Ha aggiunto che con questi “cambiamenti organizzativi” si concentrerà maggiormente sulla fornitura di giochi e servizi di maggiore qualità.

“I cambiamenti che stiamo apportando oggi avranno un impatto su circa 350 ruoli nella nostra azienda di 9.000 persone”, ha affermato Wilson. “Queste sono decisioni importanti ma molto difficili, e non le prendiamo alla leggera. Siamo amici e colleghi di EA, apprezziamo e apprezziamo il contributo di tutti, e stiamo facendo tutto il possibile per assicurarci che ci occupiamo del nostro personale per aiutarli attraverso questo periodo per trovare la loro prossima opportunità. “

Questo annuncio arriva solo un mese dopo che Activision Blizzard ha licenziato l’ 8% della sua forza lavoro il mese scorso, per un totale di circa 800 posti di lavoro.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami