Julian Assange, fondatore di Wikileaks, è stato arrestato questo Giovedi, 11 mese di aprile del 2019, a Londra, presso l’Ambasciata dell’Ecuador in cui era stato concesso l’asilo nel 2012.

La polizia britannica ha detto che era l’ambasciatore dell’Ecuador stesso che ha esortato le autorità a prendere l’uomo di 47 anni.

Lenin Moreno, presidente dell’Ecuador, ha confermato la rimozione di asilo di Assange e la sua nazionalità ecuadoriana acquisita nel dicembre 2017, sostenendo di aver subito alcuna pressione esterna e citando “ripetute violazioni delle convenzioni e dei protocolli internazionali convivenza” .

Julian Assange rischia l’estradizione negli Stati Uniti

Nel processo, gli Stati Uniti hanno presentato una richiesta di estradizione a Scotland Yard, il quartier generale della polizia di Londra. Essi hanno inoltre reso pubbliche le accuse contro il fondatore di Wikileaks, tra cui, in particolare, l’hacking di dati riservati e la pubblicazione delle agenzie di intelligence e di documenti segreti della diplomazia degli Stati Uniti con l’assistenza di Chelsea Manning.

Il caso Julian Assange interessa in particolare tre paesi. La Svezia prima, dove è accusato di stupro e violenza sessuale. L’avvocato di una vittima ha dichiarato di voler riaprire l’inchiesta, anche se i fatti sono ora messi fuori legge.

Il Regno Unito, poi, che ritiene di aver violato le condizioni della sua libertà vigilata prendendo rifugio nell’ambasciata dell’Ecuador mentre le autorità stavano studiando una possibile estradizione in Svezia per il caso citato sopra.

E naturalmente gli Stati Uniti, che nutrono le maggiori lamentele contro di lui. La prima udienza di Julian Assange si svolge dall’11 aprile 2019 in un tribunale di Londra. 

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami