Google Translate è diventato così essenziale oggi che anche Wikipedia vuole farne un utilizzo maggiore . E  sta cercando sempre di migliorare le sue prestazioni in questo settore.

Translatotron mostra la strada

Pertanto, la società ha pubblicato un post sul blog per presentare Translatotron , l’ultimo dei lavori dei suoi team di ricerca sull’intelligenza artificiale. Secondo l’azienda, è il primo strumento in grado di tradurre contenuti orali direttamente da una lingua all’altra, senza passare per una trascrizione scritta . 

In effetti, di solito, un discorso viene prima trasposto in testo, prima di essere tradotto, poi parlato oralmente usando un sintetizzatore vocale. Una moltiplicazione di passaggi che può portare inevitabilmente a errori (alla maniera del “telefono arabo”).

Al contrario, Translatotron tratta il suono in ingresso come uno spettrogramma, cioè una rappresentazione visiva delle frequenze audio. Quindi, utilizzando una rete di neuroni artificiali precedentemente addestrati, genera un nuovo spettrogramma corrispondente al linguaggio di output. Tutto senza passare attraverso una trascrizione in testo, che consente una traduzione più veloce.

Trascrivi le parole … e la voce

E non è tutto. Google ha anche aggiunto un encoder di input, in grado di riprodurre la voce dell’altoparlante di input . Il risultato non è ancora perfettamente fedele all’origine, ma si avvicina notevolmente, da un punto di vista del timbro e della cadenza. Alcuni esempi sono resi disponibili da Google . 

Per ora, l’azienda non rivela cosa intende fare con questo nuovo sistema. Ma sperava di servire da punto di riferimento per le future ricerche sulla traduzione orale. 

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami