Così, il produttore giapponese ha espresso la progressiva scomparsa dei tempi di caricamento sulla prossima generazione.

Caricamento schermi, presto dalla storia antica?

Lo scorso aprile, PlayStation ha finalmente parlato al sito Web di Wired per discutere del suo futuro. Senza rivelare tutte le informazioni, il marchio giapponese ha dettagliato la sua ambizione per PS5 . Ad esempio, sappiamo che la macchina sarà equipaggiata con un processore AMD Ryzen con architettura Zen 2, tecnologia ray tracing o SSD ad alta velocità . È questo ultimo punto che ci interesserà particolarmente oggi. 

In una rapida intervista con il magazine britannico PlayStation, un rappresentante di Sony ha parlato dell’avvento di questi famosi SSD per la prossima generazione: ” Un SSD ad alta velocità è il punto focale della nostra console di nuova generazione. La nostra visione è quella di rendere gli schermi di caricamento un ricordo del passato, consentendo ai progettisti di creare nuove e uniche esperienze di gioco. “

Una promessa difficile da mantenere?

Mark Cerny, l’architetto del sistema PS5, ha rilasciato una piccola demo di questa grande rivoluzione come parte dell’intervista a Wired. Su un kit di sviluppo della prossima macchina, i tempi di caricamento di Marvel’s Spider-Man sono scesi a 0,5 secondi, dove erano su PS4 Pro per 15 secondi. Pertanto, l’SSD potrebbe davvero migliorare questo elemento spesso criticato dai giocatori.

Tuttavia, ovviamente giudicherà il pezzo per vedere se la promessa è mantenuta o meno. Infatti, prima del rilascio di una nuova console, i produttori annunciano ancora molte importanti modifiche che, alla fine, rimangono nelle scatole. Ad ogni modo, dovremo aspettare fino al 2020 per conoscere la fine della storia sulla nuova PlayStation. 

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami