E il guaio continua per Huawei. Come riportato dalla pubblicazione Nikkei , il gruppo cinese perde un nuovo partner. Questa volta, il consorzio WiFi Alliance sta voltando le spalle a lui. “Wi-Fi Alliance è pienamente coerente con la recente ordine del Dipartimento del Commercio statunitense […] e limitato temporaneamente la partecipazione di Huawei Technologies nelle attività della WiFi Alliance interessati da questa misura” , ha contattato l’agenzia, affermando che per il momento, era una sospensione e non un’esclusione definitiva. Huawei è ancora un membro del gruppo.

Huawei: dopo SD Association, ARM e Android, WiFi Alliance abbandona

Ma cosa significa? Questo ovviamente non influisce sui prodotti del marchio che sono già fuori. Questo non cambia nulla per quanto riguarda le prossime versioni per smartphone. Huawei è in grado di offrire la tecnologia WiFi sui suoi dispositivi nonostante il divieto. In breve, le conseguenze sono quasi nulle.

Ma se la situazione continua, potrebbe causare problemi al produttore. La WiFi Alliance è composta da grandi aziende tecnologiche del mondo (Qualcomm, Intel, Apple …), che decidono insieme il percorso che deve prendere lo sviluppo di nuove tecnologie legate al WiFi. Perdendo il suo stato di membro, Huawei non partecipa più all’evoluzione del WiFi e non ha più alcuna influenza su ciò che diventa standard. Uno svantaggio rispetto alla concorrenza per il numero mondiale 2 dello smartphone.

Huawei è inoltre bandita dal Joint Electron Device Engineering Council (JEDEC), un ente di standardizzazione dei semiconduttori che stabilisce gli standard per USB e RAM.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami