Molti utenti sono stati vittime del Joy-Con difettoso con l’acquisto del loro Nintendo Switch. Alcuni di questi dispositivi di controllo sembrano muoversi da soli, il che può essere molto problematico per i giocatori quando sono in pieno svolgimento. Un bug dice che “Joy-Con Drift” non è nuovo: il primo feedback degli utenti su questa preoccupazione risale al 2017, l’anno di lancio della console ibrida.

Nintendo Switch: il bug Joy-Con Drift potrebbe valere la pena di essere provato

Bene, questo file potrebbe essere costoso per Nintendo. I clienti scontenti, che hanno acquistato apparecchiature che hanno subbito un cattivo funzionamento e per alcuni hanno dovuto sostituirle a un prezzo elevato (il Joy-Con ufficiale costava più di 70 euro), si sono riuniti per presentare un reclamo collettivo negli Stati Uniti. Un caso affidato allo studio legale Chimicles, Schwartz Kriner e Donaldson-Smith.

Secondo un documento pubblicato da quest’ultimo, la denuncia è ricevibile perché più di 100 consumatori sono stati colpiti e la perdita totale potenzialmente supera i $ 5 milioni. La società richiede un processo con giuria ai sensi del Consumer Protection Act. Un tribunale deve ancora decidere se procedere o meno. Se dà il via libera, allora avremo diritto a una prova. Nintendo può anche trovare un accordo amichevole con l’accusa prima che venga emessa una sentenza. Ricordiamo che la Sony ha dovuto pagare diversi milioni di dollari nel 2016 dopo un lungo processo giudiziario derivante da una denuncia collettiva. I consumatori si erano sentiti feriti perché il produttore aveva rimosso il supporto Linux su PS3 a causa di una violazione della sicurezza.

Nintendo Switch: quali rimedi se fossi vittima di Joy-Con Drift?

Lo studio legale ha reso disponibile un modulo per partecipare al reclamo e spiegare la sua situazione (data di acquisto dello Switch, data iniziale dei problemi con il Joy-Con, il cliente ha contattato Nintendo per dirglielo e se c è il caso, qual è stata la risposta ricevuta …) per costituire un file solido. Nintendo of America è oggetto del procedimento e solo i consumatori residenti negli Stati Uniti possono partecipare. Se sei uno degli utenti che hanno sofferto di questa preoccupazione, puoi provare ad avvicinarti a un’associazione di protezione dei consumatori europea (tipo UFC-Que Choisir), che può guidarti sulla strada da seguire. Sarà in grado, in caso di numerose testimonianze e se considera il caso solido, potenzialmente di lanciare un’iniziativa di reclamo collettivo, come è il caso negli Stati Uniti.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami