Dal 26 giugno, i più famosi streamer Twitch hanno accesso alla versione beta di una nuova funzione di trasmissione. Soprannominato “Subscriber Streams”, consente loro di lanciare un live aperto solo ai loro abbonati più fedeli.

Contenuto dell’iscritto

Per gli streamer, l’accesso ai flussi degli abbonati è soggetto a diverse condizioni. L’host deve essere stato un affiliato o un partner per più di 90 giorni e non si è allontanato dalle politiche di Twitch negli ultimi 90 giorni di trasmissione.

Twitch specifica inoltre che questa non è una privatizzazione degli scambi tra l’host e il suo pubblico e che le stesse regole di streaming si applicano ad essa. Questa nuova funzionalità è stata originariamente creata dalla piattaforma per aiutare gli streamer a far crescere le loro comunità, ma anche per aumentare le loro entrate. 

Come promemoria, un abbonamento a uno streamer costa $ 5 al mese. Questo nuovo canale di distribuzione sembra ispirato al sistema di crowdfunding di Patreon, che è già utilizzato da molti operatori video per offrire contenuti riservati solo ai loro abbonati. 

Da parte loro, solo gli abbonati, i moderatori e i VIP possono godere di questo accesso privilegiato ai loro canali preferiti, e questo senza costi aggiuntivi. I video dallo stream dedicato saranno accessibili automaticamente. 

Questa nuova funzione è in aggiunta ad altre già riservate ai membri paganti, come la chat degli abbonati speciali o il salto di pubblicità, normalmente obbligatorio per i non abbonati. Per questi, una panoramica del contenuto esclusivo può essere visualizzata prima di ogni iscrizione.

Un ricevimento misto dalla comunità

Annunciato da maggio, il lancio di questo nuovo strumento ha generato un intenso feedback tra gli utenti di Twitch. Molti di loro vedono l’avvento di un nuovo regime di esclusione contro gli utenti non paganti. Altri mettono in dubbio il rischio di diversione della funzionalità da parte di stendardi polemici, che potrebbero usare questo canale per offrire contenuti sessualizzati per aumentare il proprio reddito. 

In seguito all’annuncio del lancio, un sondaggio condotto da StreamerNews su Twitter ha rivelato una percentuale del 72% dei voti contrari, per un totale di circa 16.000 partecipazioni.

Tuttavia, alcuni degli streamer accolgono questa evoluzione con più entusiasmo. Per loro, questa funzione crea un modo per avvicinarsi alle loro comunità, facilita le interazioni e, soprattutto, migliora a volte le condizioni difficili di generazione di reddito su Twitch. La piattaforma, nel frattempo, rimane fiduciosa nelle possibilità future e si aspetta buone sorprese dagli streamer, sono sempre creativi nell’uso di nuove funzionalità. 

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami