Secondo un post di Xiaomi su WeChat, un’applicazione cinese di messaggistica istantanea, il produttore sta lavorando con i rivali Oppo e Vivo su un’alternativa Android all’AirDrop di Apple, riferiscono i nostri colleghi di The Verge.

Xiaomi, Oppo e Vivo stanno lavorando a un’alternativa all’Android di Apple, presto disponibile in versione beta

Non sorprende che la soluzione sia compatibile con gli smartphone che funzionano con MIUI, ColorOS e FuntouchOS , l’overlay Android sviluppato dai tre marchi. Secondo la perdita, il protocollo sviluppato utilizza la connessione Bluetooth e WiFi di due smartphone Android per trasferire file a velocità fino a 20 MB / s.

Questa non è ovviamente la prima volta che una soluzione di condivisione di file simile ad AirDrop è arrivata su Android. Nel 2011, Google ha lanciato Android Beam, una soluzione di condivisione tramite protocollo NFC . Non riconosciuta, la funzionalità si evolverà con l’arrivo di Android 10 Q. Rinominata Fast Share , la soluzione sarà integrata con Files da Google e ora si affiderà al Bluetooth.

Ovviamente, Fast Share fa parte di Google Play Services , la suite software integrata per smartphone Android venduta in tutto il mondo, ad eccezione della Cina. Gli smartphone Android commercializzati sul mercato cinese non hanno infatti diritto ad applicazioni Google come Gmail, Files e altri.

Xiaomi, Oppo e Vivo stanno quindi cercando di sviluppare un’alternativa Android ad AirDrop disponibile per gli utenti residenti in Cina . Altri produttori potrebbero presto aderire all’alleanza. Ad ogni modo, una prima versione beta sarà disponibile alla fine di agosto. Vi diciamo di più al più presto.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami