Il dipartimento del commercio degli Stati Uniti concederà a Huawei altri 90 giorni per continuare a lavorare con aziende o società statunitensi che utilizzano la tecnologia statunitense o contrattuale con società statunitensi, riferisce Reuters. Il gruppo cinese sarà in grado di mantenere i suoi clienti e fornitori per altri tre mesi.

Huawei: tre mesi di recupero aggiuntivo

In seguito all’annuncio di dure sanzioni da parte dell’amministrazione statunitense, a Huawei sono stati concessi 90 giorni per organizzarsi. Tra l’altro, ha approfittato di questa volta per collaborare con Google al monitoraggio del software dei suoi smartphone. In linea di principio, questo periodo dovrebbe consentirgli di non abbandonare i prodotti durante la notte che sono già stati commercializzati. Ma in pratica, Huawei non si è preoccupato nelle ultime settimane di rilasciare nuovi cellulari con licenza Android e servizi Google.

Il primo soggiorno di 90 giorni a maggio 2019 scadrà lunedì 19 agosto, quindi oggi è prevista una comunicazione ufficiale per la sua estensione. Reuters riferisce che Donald Trump e Xi Jinping, il presidente cinese, hanno discusso questo problema questo fine settimana. Inserito nell’elenco delle entità, Huawei può ricevere autorizzazioni di esportazione caso per caso, se i prodotti in questione non sono considerati una minaccia alla sicurezza nazionale. Le sanzioni contro Huawei hanno colpito duramente anche le società statunitensi. Google potrebbe perdere una grande flotta di smartphone per Android e produttori di chip Intel e Qualcomm un cliente molto grande.

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami