Huawei commercializza i MateBook di Linux nel negozio online cinese di Vmall, riferiscono i nostri colleghi di Forbes. Sul sito Web del marchio , i consumatori che vivono nella Cina continentale possono ora ordinare  MateBook X Pro , MateBook 13 e MateBook 14  su Linux. I computer con Linux sono offerti a un prezzo diverso rispetto alla loro variante con Windows 10. Il MateBook 13 e 14 costano quindi circa trenta euro in meno. Con contro, il prezzo di X Pro sale a più di 70 euro.

Huawei vende MateBook con Deepin Linux in Cina

Dal decreto Trump emesso lo scorso maggio, Huawei non ha più una licenza Windows. Alla società non è più consentito commercializzare nuovi terminali con Windows 10. Gli Stati Uniti non hanno ancora revocato le sanzioni, Huawei è stata costretta a posticipare il lancio del suo nuovo MateBook . Senza Windows, ma anche chip Intel, il produttore non è in grado di “fornire il PC”, ha dichiarato Richard Yu, CEO della divisione consumer di Huawei, nel giugno 2019. Poco dopo, Huawei è stato persino costretto a mettere in pausa l’intera divisione PC .

Ecco perché Huawei si è rivolto a Deepin Linux , una distribuzione basata su Debian, per equipaggiare i suoi MateBook. Sviluppata dalla società cinese Wuhan Deepin Technology, questa distribuzione si distingue per la sua interfaccia visiva estetica e l’opzione Cloud Sync per sincronizzare i file nel cloud. Il sistema offre anche una trentina di applicazioni native. Precedentemente basato su Ubuntu, Deepin Linux è completamente open source. Il codice sorgente della distribuzione è quindi accessibile a tutti su Github.

Nel 2018, la distribuzione Deepin è stata accusata di raccogliere i dati personali dei suoi utenti a loro insaputa. Quell’anno, il Deepin Store, il negozio per l’installazione di applicazioni compatibili, ha inviato richieste non crittografate a CNZZ, l’equivalente cinese di Google Analytics. Includeva l’agente utente o l’agente utente dei suoi utenti. Questa è una manciata di dati contenenti la versione del tuo browser web o sistema operativo. Deepin si è rapidamente difeso sostenendo di non raccogliere dati personali dagli utenti, ma semplicemente “agenti di navigazione e dati di navigazione innocui”. Come Huawei, la tecnologia Wuhan Deepin è accusata di essere vicina al governo cinese. L’azienda ha in particolare stipulato diversi contratti con l’esercito popolare cinese.

Huawei sceglie Linux per sostituire Windows 10: Harmony OS non è ancora pronto?

Huawei, tuttavia, ha un’alternativa casalinga a Windows 10 : Harmony OS . È un sistema operativo multipiattaforma teoricamente in grado di equipaggiare smartphone, TV collegate, orologi o automobili. Ovviamente, il sistema operativo, in sviluppo nel più grande segreto dal 2012, non è ancora pronto a sostituire Windows 10. A lungo termine, Huawei dovrebbe comunque commercializzare MateBook con Harmony OS , ha recentemente assicurato Peter Gauden, product manager presso l’internazionale di Huawei.

La situazione è la stessa sul lato mobile. Senza licenza Android, Huawei non può preinstallare le app di Google sui suoi nuovi smartphone, incluso Mate 30s . Il sistema operativo Harmony non è ancora pronto a sostituire Android (il sistema operativo manca ancora di un vero ecosistema di applicazioni), il produttore deve ricorrere ad AOSP, la versione open source di Android. Entro il 2020, Huawei dovrebbe lanciare smartphone con sistema operativo Harmony se le sanzioni statunitensi non verranno revocate .

Lascia una recensione

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami